HUNGER GAMES


Tratto dall'omonimo romanzo di Suzanne Collins e diretto da Gary Ross, già regista di Pleasantville  e Seabiscuit, Hunger Games è ambientato in un'America postapocalittica, divisa in dodici distretti, ognuno dei quali è costretto ad inviare ogni anno, come tributo per una passata ribellione, una giovane donna e un giovane uomo affinché prendano parte ad un reality show nazionale a cui solo uno tra tutti i partecipanti sopravviverà.
Katniss (Jennifer Lawrence) si offre come tributo al posto della sorella minore ed insieme a Peeta (Josh Hutcherson), l'altro ragazzo sorteggiato nel suo distretto, cercherà di capire in poco tempo come vincere i giochi, nella consapevolezza che molto probabilmente uno di loro ucciderà l'altro.
Hunger games si inserisce nel filone dei film adolescenziali ambientati in un mondo immaginario, ma allo stesso tempo si distacca da quel genere e lo supera. Combinando elementi tratti dalla mitologia greca con il Grande Fratello di George Orwell, il film, come l'omonimo romanzo cui è ispirato, propone una storia intensa ed emozionante, che sorprende lo spettatore continuamente. Non posso negare che alcune scene mi abbiano particolarmente appassionato, mentre altre mi hanno completamente agghiacciato, in particolare l'inizio del reality show. Non manca il triangolo amoroso, con un pizzico di Romeo e Giulietta, ma non è un elemento preponderante nel  film e, quindi, non dispiace.
Buona prova di Jennifer Lawrence nei panni di Katniss, sebbene il suo personaggio sia un po' troppo a tutto tondo, troppo sicuro di sè per la sua età.
Il messaggio è forte: l'utilizzo del reality show come strumento di mantenimento del potere e della ricchezza da parte di pochi invita a riflettere sia i più giovani che i più adulti, sebbene non sia un tema completamente nuovo, che comunque non era mai stato portato a questi estremi in un film che è pensato soprattutto per gli adolescenti.

Voto: 7

Hunger Games su imdb
Gary Ross su imdb

Commenti

  1. ottimo film (anche se il romanzo è più coinvolgente)
    finalmente un blockbuster con un cervello, e pure un'anima!

    RispondiElimina
  2. Altro che Twilight, ogni mio pregiudizio è stato superato. Hunger Games non è solo per adolescenti, per fortuna!

    RispondiElimina
  3. Non mi ha convinto per niente. Molto meglio i libri, tutti e tre.

    RispondiElimina

Posta un commento