BUONANOTTE BEFORE MIDNIGHT


Before midnight (id.)
USA 2013
Regia di Richard Linklater
Sceneggiatura di Richard Linklater, Julie Delpy, Ethan Hawke
Con Ethan Hawke, Julie Delpy, Seamus Davey Fitzpatrick, Ariane Labed, Athina Rachel Tsangari, Yota Argyropoulou

Trama: Dopo il loro secondo incontro a Parigi nel 2003, Jesse e Céline sono rimasti insieme e hanno avuto due gemelle. Alla fine dell'estate del 2012, in vacanza in Grecia con alcuni amici, i due sono costretti ad affrontare i primi problemi di una coppia di quarantenni.

Before Midnight è il capitolo conclusivo della trilogia cominciata nel 1995 con Prima dell'alba e proseguita nel 2003 con Before sunrise.
La serie di film, scritta e diretta da Richard Linklater, coadiuvato dai due protagonisti, Julie Delpy e Ethan Hawke, è un esempio di successo di cinema indipendente, che ha raccolto spettatori in tutto il mondo, curiosi di sapere come sarebbe evoluta la storia d'amore tra il bel Jesse e l'affascinante Céline.
Per quanto mi riguarda, né il secondo capitolo Before sunrise né questo terzo capitolo sono riusciti a coinvolgermi come Prima dell'alba. Se questo dovesse succedere anche a voi, non stupitevi: è normale che ciò avvenga. Nel primo film, i due protagonisti si incontravano e, inconsapevolmente, si innamoravano. Sullo schermo si assisteva ad un evento coinvolgente ed emozionante di fronte al quale lo spettatore non poteva che provare partecipazione ed anche un po' di nostalgia. In Before Midnight, invece, la magia tra i due protagonisti è in gran parte svanita. D'altronde, Jesse e Céline non sono più due giovani innamorati, ma dopo dieci anni di convivenza hanno milioni di problemi quotidiani, che tutte le coppie conviventi affrontano. Il film registra questo cambiamento d'età e di vissuto e mostra l'evoluzione dei due personaggi. Sia Jesse che Céline sono diventati due quarantenni fondamentalmente insoddisfatti perché per amore dell'altro hanno rinunciato a parte della propria vita, compiendo delle scelte radicali e irreversibili. E' questo l'epilogo inevitabile di ogni storia d'amore?
Nell'ottica di Richard Linklater, sembrerebbe di sì. Dopo anni di conoscenza e condivisione, non si può che litigare anche su cose banali e alle quali prima non si dava importanza. E questo, mentre vedete il film, fa male, ma non perché avviene tra Jesse e Céline, due personaggi che abbiamo imparato ad amare, ma perché è così o sarà così per noi.

Morale della favola: se avete bisogno di rassicurazione e conforto, non vedete questo film.

Voto: ♥ ♥ 1/2 

"Tu sei il sindaco della città dei pazzi, lo sai questo?"


Commenti