TUTTE CONTRO LUI O TUTTE CONTRO GLI SPETTATORI?


Tutte contro lui (The other woman)
U.S.A. 2014
Sceneggiatura di Melissa Stack
Regia di Nick Cassavetes
Con Cameron Diaz, Leslie Mann, Kate Upton, Nikolaj Coster-Waldau, Taylor Kinney, Don Johnson

Quando ho deciso di vedere questo film, ho creduto, o perlomeno sperato, che si trattasse di una commedia simpatica. Ero più che altro incuriosita dalla presenza di Nikolaj Coster-Waldau, Jamie Lannister di Game of thrones.
Gravissimo errore da non ripetere: Tutte contro lui è una commedia super, ma super becera, che non merita nemmeno troppe riflessioni.
Già all'inizio, quando Cameron Diaz travestita da idraulico sexy, va a trovare il fidanzato e per scappare dalla moglie di quest'ultimo inciampa distruggendo un vaso, il sospetto che mi trovassi di fronte ad un cinepanettone americano era forte. 
Dopo, si va solo di male in peggio: quando le tre donne coalizzate mettono in atto la loro vendetta, si raggiunge l'apice del volgare e del triviale, che non fa ridere minimamente e che anzi infastidisce. Tutto questo per ben 109 minuti. Ma stiamo scherzando? Perché una commedia che non ha nulla da dire dura così tanto? Perché perpetuare all'infinito l'orrore? 90 minuti sarebbero stati più che sufficienti per farci raccapricciare.
Questo è ciò che avviene in superficie. Non parliamo, poi, del pensiero misogino che attraversa l'intero film: tre donne che si struggono per un uomo orribile, mettendo in atto gli atti più assurdi e indecorosi. Nel 2014 mi piacerebbe che le commedie avessero trame un po' più complesse per meritare un briciolo di considerazione.

Morale della favola: Caro Nikolaj, meglio che continui con le serie tv se al cinema ti offrono simili parti.

Voto: ♥ 

"Devi piangere dentro, come gli eroi"

Commenti

Posta un commento